Verso la luna, in viaggio

A due passi dalla luna

schiaccio il naso sul vetro freddo

che separa me dal cielo.

Ansia e paura si fondono

mentre paesaggi sconosciuti

scivolano sottili tra i miei capelli,

allontanandosi.

Confinata in questo spazio ridotto

scruto lontano per cogliere

quel che giungerà ai miei occhi

tra attimi lunghi ed estenuanti

che conto, sillabo, scandisco.

Mille aurore si confondono

nella memoria, ovrapponendosi.

Fatti e parole

ricordi e rimpianti

sono cenere spenta,

per la luna.

Un chiarore pungente

che ingigantisce e ammalia

si avvicina.

Il treno sbanda,

sulle rotaie fuse

rallenta la sua corsa,

stridono le mie ossa.

E’ un brivido, è vento, è caldo

Davanti a me,

immobile e magica,

la luna.

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s