L’asino

images

Aveva vent’anni o poco più. Era in quella fase della vita in cui i pensieri sono concentrati sull”essere e sul divenire.  “Mi fermo, vado, lascio tutto, ricomincio, inizio un nuovo inizio, resto, costruisco, viaggio, provo “

Estate. Zaino in spalla, maglietta, pantalone e infradito,  bagaglio leggero anche nei pensieri – non fosse stato per il perenne dilemma – arrivò in Spagna, in un piccolo paese di collina.

Piazzetta deserta, caldo, un campanile bianco di una chiesetta bianca e … un asino.

Un asino dal quale il padrone si era momentaneamente allontanato per dissetarsi in un piccolo bar.

In realtà l’aveva legato. L’aveva legato ad una sedia di plastica bianca, di quelle leggere, estive, da giardino.

E l’asino se ne stava lì, immobile, legato a quella sedia leggerissima.

Una metafora vivente? Un messaggio del cielo? Banalmente, una coincidenza? Chi può dirlo …

Ma quell’incontro fu la chiave che aprì la porta al suo futuro.

 

Liberamente tratto da “il Volo del mattino” (Radio Deejay)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s